“L’organo di Mozart”: cosi’ viene spesso appellato lo strumento della Chiesa di Sant’Antonio, per la quale il salisburghese scrisse il suo “Exsultate, Jubilate”. Lo strumento di Livio Tornaghi, presente oggi nella cornice di Sant’Antonio, e’ stato realizzato alcuni decenni dopo e a tutt’oggi e’ uno degli organi piu’ interessanti di Milano.

Irene De Ruvo ci presenta un programma vario ed interessante, forte anche del proprio ruolo come titolare di un’altro strumento di Tornaghi, quello di Santa Maria al Carrobbiolo di Monza, e pertanto di grande conoscitrice delle caratteristiche timbriche di questi strumenti.

Nel programma spiccano anche alcune rarita’ di Giovanni Battista Dalla Gostena, autore recentemente riscoperto da Irene De Ruvo, che gli ha dedicato un CD uscito lo scorso anno.

Programma

G. F. Haendel                      Suite n. 7 in sol min. HWV 432
J.K.Fischer                        Chaconne in Fa magg.
G.B.Dalla Gostena            Fantasia VII
J.S.Bach                           Fantasia e fuga in la min. BWV 904
D.Zipoli                           Al post communio
D.Zipoli                           Toccata per l’Elevazione
G.Valerj                           Sonata XII – Fuga

Irene De Ruvo

dopo essersi diplomata in organo, clavicembalo e pianoforte, ha conseguito il biennio superiore in organo con il massimo dei voti. Ha partecipato a numerosi corsi di prassi d’esecuzione organistica con maestri di fama internazionale. Si è specializzata a Basilea (CH) nel repertorio barocco con il maestro J. C. Zehnder ed  ha seguito i corsi di direzione d’orchestra con il maestro P. Gelmini.

Ha tenuto concerti presso importanti sedi culturali in Italia e all’estero. Nel 2013 è stata in tournée in Giappone dove è stata chiamata per suonare in concerto e per tenere  alcune lezioni d’interpretazione della musica organistica barocca. E’ organista titolare dell’organo meccanico Livio Tornaghi (1850) della chiesa di S. Maria in Carrobiolo di Monza.

Nel 2011, per l’etichetta STRADIVARIUS, ha pubblicato un cd che la vede protagonista, in qualità di direttore al clavicembalo, dell’ensemble strumentale da lei fondato, La Concordanza, nell’esecuzione dei Concerti Grossi di Georg Muffat; nel 2016, per l’etichetta ARCANA – OUTHERE ha registrato l’integrale delle musiche per organo di Giovanni Battista Dalla Gostena, maestro di cappella in San Lorenzo a Genova, un lavoro interamente inedito che si concluderà con la pubblicazione dell’edizione critica delle musiche.

In qualità di ricercatrice e musicologa, nel 2004 ha partecipato al convegno internazionale di studi sulla Milano Spagnola organizzato dal Conservatorio di Como, con un contributo su Carlo Donato Cossoni e la sua attività di maestro di cappella del Duomo di Milano e, nel 2009, al convegno di studi sull’arte organaria dei Lingiardi pavesi organizzato dall’Università di Pavia con una tesi sull’organo Lingiardi di S. Gottardo al Corso di Milano, opus 177.

Nel 2013 ha pubblicato il volume scritto a quattro mani con il dott. Mario Manzin, La tradizione organaria nel territorio monzese. Studi e ricerche in occasione del restauro dell’organo Livio Tornaghi 1859 della chiesa parrocchiale di S. Bartolomeo in Brugherio, primo studio approfondito sulla scuola organaria lombarda e monzese, dalla metà del ‘700 alle ditte organare tuttora attive sul territorio.

Share

Irene De Ruvo

No comments

Sii il primo a lasciare un commento

Lascia un commento

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>